• Home
  • News
  • Danimarca: le strane case galleggianti dove vivono gli studenti

Danimarca: le strane case galleggianti dove vivono gli studenti

Danimarca: le strane case galleggianti dove vivono gli studenti  

di Gianluca Ricci

 

Contro la cronica carenza di spazi e la diminuzione delle aree destinate all’edilizia abitativa, in Danimarca c’è chi ha provato a spingere verso una direzione nuova e ha puntato a realizzare appartamenti riciclando vecchi container e piazzandoli su una piattaforma galleggiante da ancorare in acqua presso le strutture portuali o i moli.

 

Si tratta di soluzioni destinate soprattutto agli studenti che non necessitano di strutture di lusso, ma piuttosto di metri quadrati abitabili a prezzi più abbordabili rispetto a quelli comunemente offerti.

 

La start up danese che ha tentato questo nuovo percorso si chiama Urban Rigger e deve la sua nascita all’intuito e alla fantasia di Kim Loudrup, che ha coinvolto nel suo progetto le intuizioni visionarie del noto architetto Bjarke Ingels.

 

Le strutture sono costituite da un’ampia piattaforma galleggiante e da sei container disposti tre a tre su due piani a formare due triangoli equilateri, con una corte centrale destinata a diventare un giardino pensile ad uso e consumo dei residenti.

 

Ogni singolo blocco è stato diviso in due parti distinte, in modo da garantire a chi ci abita all’incirca 25 metri quadrati di spazio, e parte delle pareti metalliche dei container è stata tagliata e dotata di ampie vetrate così da dotare le abitazioni della luce necessaria.

 

Ogni singolo studio è costituito da un unico ambiente con letto, tavolo, armadi, area cottura e bagno e garantisce agli studenti che lo occupano la vivibilità necessaria alle loro esigenze, decisamente diverse da quelle di una famiglia o di chi comunque punta ad occupare una casa in via definitiva.

 

Sui tre tetti vengono infine realizzati un prato, un solarium e un’area attrezzata con pannelli solari per provvedere alle esigenze elettriche degli abitanti: un piccolo pontile collega l’isolotto abitativo al molo o alla terraferma, a seconda del luogo in cui è stato ancorato.

 

La soluzione, già sperimentata a Copenaghen, ha soddisfatto a pieno le aspettative sia dei progettisti che di coloro che se ne sono serviti e a breve il progetto verrà replicato in altri Paesi del nord Europa che si sono dimostrati interessati alla soluzione, come per esempio la Svezia e la Finlandia, dove numerose sono le superfici che possono essere messe a disposizione di questa innovativa tipologia abitativa.

 

Una soluzione peraltro non originalissima, visto che già nel lontano 1960 l’architetto giapponese Kenzo Tange aveva avanzato un’ipotesi simile per contenere lo sviluppo urbano di Tokyo verso una periferia che oggi invece si è allungata per chilometri e chilometri pensando di “colonizzare” con abitazioni galleggianti la baia su cui si affaccia la capitale nipponica.

 

Poi non se n’è fatto più nulla, anche perché i costi sarebbero stati stratosferici e i risultati non certi. In Danimarca invece si è pensato meno in grande, limitando gli investimenti e indirizzando gli sforzi progettuali sul recupero e sulla frugalità studentesca.

 

Tuttavia l’idea di espandere l’urbanizzazione delle grandi città sull’acqua e non più solo sulla terra pare stia diventando un’ipotesi progettuale tutt’altro che futuristica o remota: non c’è studio internazionale ormai che non spinga ingegneri ed architetti ad elaborare soluzioni alternative a quelle tradizionali, che stanno fagocitando ettari di territorio. Quella di costruire sull’acqua pare ad oggi la strategia più interessante.

VOGLIO VIVERE COSÌ WORLD

Curiosità dal mondo
Cosa succede di curioso nel mondo
Il web è grande!
Risorse e consigli utili
Melissa e Pierluigi
Il nostro viaggio intorno al mondo
Sport & Avventura
...e amore per la natura
Il mondo della gastronomia
Chef e ristoratori italiani nel mondo
A stelle e strisce
Gli italiani negli USA
"Mal d' Africa"
Vivere nel Continente nero
Gli altri siamo noi
Fare volontariato all'estero
Bloggami !
Bloggers italiani nel mondo
Italiani di Frontiera
Per Voglio Vivere Così World
Arte & Cultura
Le radici del mondo
Luoghi e Natura
Un mondo da scoprire
Risveglio di coscienze...
...e nuova umanità
Trends from the world
cosa c'è di nuovo ?
Nuova Destinazione
di Mary Marchesano

VIDEO

RUBRICHE

Sognando il CanadaConsigli pratici e News
Mi ami o non mi ami ?Mary racconta Miami
Promenades à ParisA cura di Luigi La Rosa
Mal d'AustraliaGiordano Dalla Bernardina
Praga e dintorniAndrea Brundu
Kia Ora da Aotearoa!Cronache dalla Nuova Zelanda
Londra, di corsaCon Nicolas Lozito
A Madrid con ChechiNel cuore della Spagna
Berlino non dorme mai Di Elisa Menozzi
Fare impresaImprenditori all'estero
Le mille facce di NYCBy Donna con Fuso
Careers & ProfessionsManager e professionisti
Il mattone Notizie immobiliari dal mondo
Capitali del MondoRaccontate da chi ci vive
Oggi cucino etnicoRicette e sapori dal mondo
On the road con Silvia Ossia dove osano gli agnelli
Scuola delle mie brame...chi è la più bella del reame?
Leggere è un viaggioParliamo di libri
What's onSegnalazione eventi, mostre e festival