Come viaggiare low cost in Europa

Come viaggiare low cost in Europa

Chi l’ha detto che per vivere un viaggio meraviglioso devi andare per forza dall’altra parte del mondo? L’Europa ha tantissimo da offrire ma spesso viene messa da parte, in favore di aree del mondo più economiche.

Anche in Europa, tuttavia, ci sono delle zone ancora poco dispendiose da esplorare. In questa guida, quindi, andremo a vedere “trucchi” e consigli per viaggiare low cost a poche ore dall’Italia!

Le mete europee più economiche

Se pensiamo all’Asia, ecco che ci vengono in mente la carissima Singapore oppure l’economico Vietnam. Parlando dell’Europa, funziona più o meno allo stesso modo. Ci sono alcune nazioni decisamente care e altre che sono ancora visitabili senza far piangere il portafoglio. Il primo consiglio, quindi, è scegliere una di queste!

Ecco alcune delle destinazioni più economiche in Europa:

  • Cracovia (Polonia)
  • Sofia (Bulgaria)
  • Budapest (Ungheria)
  • Atene (Grecia)
  • Bucarest (Romania)
  • Lubiana (Slovenia)
  • Tirana (Albania)

Attenzione, perché quello che può essere considerato economico in Europa può essere percepito come caro quando viaggi in un’altra parte del mondo, come nel super abbordabile sud-est asiatico. Tieni di conto di queste differenze, quindi, ma sappi che, scegliendo una delle mete economiche in Europa, potrai goderti comunque un bellissimo viaggio, senza sforare dal budget!

Soggiornare con le persone del posto

Uno dei metodi migliori per soggiornare da qualche parte spendendo la bellezza di 0 Euro, è quello di farsi ospitare dalle persone del posto. Ci sono diversi modi per farlo. Coachsurfing è forse la piattaforma più famosa per quanto riguarda l’ospitalità ma anche il gruppo Facebook “Host a Sister (solo per donne) è una valida risorsa per le ragazze in cerca di ospitalità presso delle “sorelle” locali.

Se preferisci, puoi ottenere vitto e alloggio in cambio di qualche ora di volontariato. Se è vero che, forse, le opportunità in Europa non sono tante come quelle che si trovano in altre aree del mondo, di solito ce ne sono a sufficienza perché tu possa viaggiare senza doverti preoccupare di spendere per l’alloggio. In questo caso, le migliori piattaforme su cui cercare hosts (persone che ospitano) sono Workaway e Worldpackers. Entrambe richiedono un abbonamento annuale, la cui cifra è contenuta, specialmente se hai intenzione di utilizzare molto il servizio.

Scegliere sistemazioni economiche

Se non vuoi/puoi alloggiare con qualcuno del posto, l’opzione più gettonata resta l’ostello. Molte persone “grandicelle” magari storcono il naso perché spesso, nell’immaginario collettivo, gli ostelli vengono ancora visti come strutture dedicate alla gioventù ma, al giorno d’oggi, la maggior parte di questi accoglie più che volentieri anche persone non più giovanissime e famiglie. Se hai dei dubbi riguardo all’età massima degli ospiti, controlla sul sito web dell’ostello o contatta direttamente la struttura.

Specialmente nelle principali città europee, avrai solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda l’ostello in cui soggiornare, tuttavia, specialmente se viaggerai in alta stagione o in concomitanza di un evento che richiamerà molti visitatori in città, è bene che tu prenoti in anticipo. Anche in questo caso, non fare paragoni con altre zone del mondo, come il sud-est asiatico, in cui un letto in camerata in un ostello decente o addirittura carino può costare anche solo 3 o 4 dollari.

Se tieni alla tua privacy, puoi optare per una camera privata in ostello, che solitamente costa meno di una stanza in hotel. In ogni caso, se è vero che condividere la stanza con degli sconosciuti richiede un certo spirito di adattamento, è anche vero che spesso è proprio in ostello che incontrerai nuovi amici con cui esplorare la città o che ti daranno le dritte per vivere esperienze uniche.

Attrazioni gratuite

Le principali città europee offrono attrazioni gratuite, alcune molto famose e altre pressoché sconosciute. A volte, è necessario organizzarsi con le date se, per esempio, le attrazioni in questione offrono l’accesso gratuito solo in determinati giorni.

Dedica del tempo non solo alla ricerca delle attrazioni a ingresso gratuito ma anche di tutte quelle attività a costo zero che potrai fare come esplorare quartieri poco presi di mira dai turisti o perderti nelle librerie e nei mercati del posto. Infine, prepara un budget per gli ingressi a pagamento e i tours. Cerca di non lasciarti influenzare da quello che vedi sui social e di spendere per un’attività o un ingresso solo se t’interessa veramente.

Infine, informati per eventuali sconti, per esempio, quelli riservati agli anziani o agli studenti.

Non viaggiare in alta stagione

Se puoi scegliere quando partire, assicurati di farlo in un periodo di media o, meglio ancora, di bassa stagione. Forse il clima sarà un po’ ballerino ma sicuramente risparmierai e, in più, non sarai travolto da orde di turisti. Naturalmente, i mesi di giugno, luglio e agosto sono quelli più cari e, di conseguenza, sarebbe meglio evitarli.

Il periodo consigliato per visitare i posti europei senza vendere un rene ma senza ritrovarti sotto le intemperie è quello della stagione media, ovvero i mesi primaverili o quelli autunnali.

Spostarsi in Europa

Muoversi in Europa può essere piuttosto dispendioso, quindi, il consiglio è quello di prenotare i principali spostamenti con largo anticipo. Utilizza siti web come Skyscanner, che ti permettono di vedere i giorni in cui i biglietti aerei sono meno cari e, se sei a corto d’ispirazione, opta per “ovunque nel mondo” e potrai vedere le destinazioni più economiche raggiungibili dall’aeroporto di partenza che avrai inserito.

Ancora, puoi decidere di viaggiare in camper (ottimo modo per risparmiare sugli alloggi ma non adatto a tutti), in auto o, ancora, in bicicletta o a piedi, magari dormendo in tenda o cercando ospitalità strada facendo. Un altro modo per viaggiare all’interno dell’Europa spendendo poco è optare per gli autobus della  Flixbus oppure utilizzare le compagnie aeree low cost o i treni. Se stai pianificando di veder scorrere l’Europa dai finestrini di un treno in corsa, esplora le varie opzioni dell’Interrail.

Siti come Rome2Rio ti aiutano a capire come arrivare dal punto A al punto B, incluso quali mezzi di trasporto prendere e quale costo preventivare.

Vai a piedi

Sembra un suggerimento scontato ma molte città europee sono visitabili a piedi o, almeno, lo sono alcune delle loro principali aree. Se è vero che camminare tanto può essere faticoso, specialmente con il caldo, è anche vero che è un ottimo modo per mantenerti in forma ed esplorare a costo zero. In più, così facendo, t’immergerai totalmente nella vita quotidiana del luogo.

Cibo e bevande

Il consiglio più ovvio è quello di mangiare e bere come una persona del posto, facendo la spesa nei mercati o nei supermercati locali e cucinando a casa o in ostello, per quanto possibile. Cerca eventuali locali dove mangiare fuori o magari sfrutta il passaparola per scovare dei localini lontani dalle trappole per turisti.

Quanto costa viaggiare in Europa?

Questa domanda è molto generica, pertanto, è pressoché impossibile dare una risposta precisa perché ci sono tanti fattori di cui tenere di conto come la durata del viaggio, il tipo di sistemazione che sceglierai e come avrai intenzione di spostarti da un posto all’altro.

In generale, anche scegliendo di partecipare a dei progetti tramite Worldpackers o Workaway, o alloggiando con delle persone del posto, è necessario avere qualche soldo da parte, incluso del denaro da usare solo per le emergenze. Il nostro consiglio, quindi, è quello di mettere da parte un gruzzoletto prima di partire, specialmente se non vuoi viaggiare alla giornata o fare troppi sacrifici.

Nonostante sia impossibile dare un budget definitivo e che vada bene per tutti, ecco alcuni dei principali costi da preventivare per il tuo viaggio in Europa. Anche in questo caso, tieni di conto di possibili varianti come l’aumento dei prezzi, il periodo e la durata del viaggio, ecc.

  • Il prezzo di un letto in camerata in ostello raramente è al di sotto dei 20 Euro a notte
  • Mangiare fuori in Europa solitamente costa sui 20 Euro a persona (nei ristoranti)
  • Lo street food e altri tipi di pasti low budget possono costare 10 Euro o anche meno
  • In media, una persona spende circa 10 Euro il giorno per i trasporti
  • Nonostante sia impossibile riportare tutti i biglietti d’ingresso alle attrazioni, diciamo che, in linea di massima, un viaggiatore può spendere sui 20 Euro il giorno per visitare le attrazioni a pagamento

Secondo le stime, una persona che viaggia low budget in Europa per 2 settimane, dormendo in camerata condivisa in ostello, visitando anche attrazioni a pagamento, e tenendo conto delle spese per il cibo e per i trasporti, spende sui 1.120 Euro. 

Conclusione

Viaggiare in Europa spendendo relativamente poco, dunque, non è impossibile. Tuttavia, non possiamo negare l’evidenza: i luoghi presi d’assalto dai viaggiatori, come Parigi piuttosto che Madrid o Vienna, sono cari. Questo può essere un buon motivo per scegliere zone meno gettonate e andare alla scoperta di posti ancora inesplorati.

Oltre a optare per destinazioni economiche, cerca di organizzarti per tempo perché pianificare un itinerario a basso costo in Europa, due o tre giorni prima della partenza, può rivelarsi pressoché impossibile.

L’Europa ha tante bellezze da offrire, dalle città ricche di storia e cultura ai paesaggi mozzafiato, e, con un po’ di sacrificio e organizzazione, potrai ammirarle anche tu!